In settimana, Raitre Molise ha focalizzato l'informazione sull'argomento salute mentale. La rubrica mattutina Buongiorno Molise di martedì 19 marzo è stata vetrina di un progetto per le scuole medie organizzato dal Centro di Salute Mentale di Campobasso.

Comunicazione efficace, accrescimento dell'autostima, miglioramenti dei rapporti interpersonali sono alcune delle parole d'ordine del progetto sinergico di Csm Campobasso, ASReM e Regione Molise volto alla promozione del benessere mentale nelle scuole secondarie di primo grado. Oltre 400 ragazzi di Campobasso, Termoli ed Isernia hanno beneficiato di corsi utili all'apprendimento dei fondamenti della buona comunicazione fra persone e alla risoluzione di problemi quotidiani.
Saper riconoscere le proprie emozioni ed esprimerle non è cosa facile per gli adulti, ancor più per chi è nella delicata fase adolescenziale e pre adolescenziale.
Le psicologhe del Csm, utilizzando un modello qualificato dall'Istituto Superiore di Sanità, sono state l'alternativa al classico insegnamento quotidiano, generando, a detta dei ragazzi stessi, degli insegnanti e dei dati statistici che hanno usufruito dell'apporto anche di altri test, un miglioramento generale, un accrescimento personale che si riflette sulla vita di ogni giorno. Porsi degli obiettivi, saper gestire la rabbia, usare i giusti toni e linguaggi per esprimersi, riconoscere le emozioni in sé e nell'altro e saper quantificare il proprio stato di benessere sono doti quantomai indispensabili, sia nel rapporto fra coetanei che in quello con gli adulti; viene utilissima, quindi, una prevenzione in tal senso, con progetti mirati per tempi utili.
Negli studi di Buongiorno Molise è stato presente anche il direttore del Centro di Salute Mentale Campobassano Franco Veltro che, intervistato dalla conduttrice, ha posto l'accento sull'importanza della salutogenesi preventiva, una pratica da sviluppare e rendere stabile, per i giovanissimi e non, che può evitare il successivo insorgere di patogenesi. Tale pratica è promovibile dalle istituzioni pubbliche, in quanto di affermata utilità e di costi ristretti.
Alle successive domande, il dottor Veltro ha risposto che un buon stato di salute mentale nei ragazzi è direttamente collegato ad uno sviluppato senso di identità e ad una forte abilità comunicativa per vivere bene il sociale, beneficiando anche dell'ascolto attivo degli adulti. Ed a proposto di giovani, si è ricordato che il secondo "step" dei corsi nelle scuole riguarderà il cyberbullismo e sarà incentrato sul corretto uso dello smartphone.

Clicca QUI per vedere il video (dal minuto 10.04)