Will Poulter, ultimamente alla ribalta mediatica per la partecipazione ad un episodio speciale della celebre serie Black Mirror, lascia i social network. Il motivo è la volontà di preservare la sua serenità psicologica.

Ha interpretato Colin Ritman nel film interattivo Black Mirror: Bandersnatch, ma la sua carriera si lega anche a Maze Runner, Revenant, ad un episodio de Le cronache di Narnia e all'altra celebre serie Code Black. Si aggiunge alla lista di personaggi noti che decidono di prendere una pausa dai social, nel suo caso Twitter, nel quale spiega con un lungo post: «Alla luce delle mie recenti esperienze, sto scegliendo di fare un passo indietro rispetto a Twitter. Come tutti sappiamo, c’è un equilibrio che deve essere raggiunto nei nostri impegni con i social media. Ci sono lati positivi da godersi e aspetti negativi inevitabili che sarebbe meglio evitare. È un equilibrio con cui ho combattuto per un po' e nell'interesse della mia salute mentale sento che è giunto il momento di cambiare il mio modo di rapportarmi con i social media».  L'attore, infine, ha ringraziato quanti gli hanno espresso il loro affetto e ha precisato che continuerà a pubblicare post relativi esclusivamente alle tante cause benefiche di cui si è fatto portavoce: «Non voglio sembrare uno che non apprezza l'incredibile sostegno che ho ricevuto online per il quale sono sinceramente grato, né voglio che il mio distacco dai social sia alle spese delle organizzazioni con le quali sono fortunato di collaborare. Perciò continuerò a postare occasionalmente per e con loro. Sono privilegiato ad avere questa piattaforma, spero che questo spostamento del focus dalla mia espressione personale a questioni importanti porti a un miglior esito per tutti. Questa non è la fine, consideratelo un percorso alternativo. Con amore, Will».
Non la prima persona a farlo, che si tratti individui famosi e non. Cosa accade? Inversione di tendenza? Lati negativi che hanno preso il sopravvento su quelli benefici?