Secondo un nuovo studio la depressione post-partum non colpisce esclusivamente le neo-mamme, ma può interessare anche i neo-papà. Sfortunatamente, la mancanza di informazioni sulla depressione post-partum maschile (PPD) ha reso difficile l’individuazione e il trattamento del fenomeno, così poco conosciuto tra gli uomini.

Kevin Love, stella dei Cleveland Cavaliers, squadra che milita nel campionato di basket statunitense Nba, ribadisce la sua lotta per evidenziare l’importanza del benessere psicologico: «C’è uno stigma sulla salute mentale, ma tutti possiamo vivere qualcosa che vorremmo tenere nascosto».

L’alcolismo spesso costituisce una risposta alle talune situazioni che generano ansia. Tuttavia, esistono diverse tipologie di disturbi d’ansia: quindi qual è in particolare il ruolo dell'ansia sociale nell'uso o abuso di alcol?

Un recente studio pilota condotto su soggetti adulti affetti da autismo ha mostrato interessanti risultati rispetto al trattamento delle loro paure ed un significativo miglioramento della loro qualità di vita reale attraverso l’utilizzo della realtà virtuale.

La nuova richiesta del mercato immobiliare è il benessere, mentale e fisico, il comfort, quindi anche i protocolli che certificano la qualità e la sostenibilità degli edifici sono chiamati a fare un passo avanti. Non basta più esaminare sotto l’aspetto delle "performance", il nuovo fulcro è "salubrità".

Ormai è chiaro a tutti che durante il ciclo mestruale il corpo femminile cambia. Noto pure che questi cambiamenti influiscono anche sul cervello e sull'equilibrio chimico, quindi anche sullo stato emotivo/psicologico della persona.

Abbiamo un desiderio: quello di essere sempre più vicini ai lettori. E i tempi richiedono i mezzi giusti per farlo, quindi... è arrivato anche il profilo Instragram! Abbiamo già una cerchia di amicizie che abbiamo ricambiato con piacere. Vi aspettiamo tutti! 

Essere brutte persone sarebbe la nostra innata tendenza di esseri umani. Nessuno escluso, saremmo tutti portati a dare il peggio di noi quando ci rapportiamo con gli altri. Lo afferma il neuroscienziato Christian Jarrett, e afferma di averne anche le prove.

Effettuato uno studio con un campione composto da 23.317 individui, tutti adolescenti, con lo scopo di dimostrare come il consumo di cannabis durante l’adolescenza sia associato ad aumento del rischio di poter sviluppare ansia, depressione e commettere un suicidio nel corso della vita, anche in assenza di una condizione premorbosa.