Pare che gli impulsi e i sentimenti degli esseri umani non siano influenzati soltanto dalle situazioni vissute in ogni momento della vita, ma anche da molti altri fattori, tra cui i colori e l’ambiente cromatico.

Cosa accade quando l’adolescente, messo di fronte alla possibilità di non sapere e di non poter controllare il proprio futuro, deve anche fare i conti con difficoltà scolastiche più o meno marcate che diventano parte di questa nuova identità ancora indefinita quanto necessaria?

A livello concettuale, il termine violenza designa tutte quelle condotte finalizzate a danneggiare l’alterità, sia fisicamente che psicologicamente. La violenza, a livello fenomenologico, può estrinsecarsi in differenti morfologie, ovvero sotto forma di insulti, minacce, abusi, molestie, intimidazioni e aggressioni fisiche.

Riportiamo integralmente l'articolo comparso sul Quotidiano del Molise che descrive nel dettaglio la posizione della nostra e delle altre regioni secondo il monitoraggio effettuato dalla Società Italia di Epidemiologia  Psichiatrica.

Specifici aspetti dell’empatia hanno un alto potere predittivo sul tipo di giudizio morale. Tra le più famose condizioni create per studiare il modo in cui l’individuo compie un giudizio morale ritroviamo il dilemma Trolley e il dilemma Footbridge.

Con determinati cibi si può migliorare il proprio stato di benessere mentale; lo sostengono gli psichiatri nutrizionali. In particolare, chi segue la dieta mediterranea avrebbe un livello di umore migliore e livelli di ansia più bassi.

L’American Psychological Association, principale istituzione che si occupa di salute mentale negli Usa, ha pubblicato sul suo Journal of Abnormal Psychology un rapporto che rivela una non positiva situazione degli adolescenti e dei giovani in quel Paese.

I disagi maggiori per i figli adottivi iniziano generalmente nel periodo adolescenziale. Il ragazzo inizia a prendere consapevolezza della sua condizione e la volontà di "ri-conoscere" le proprie radici diventa spesso insostenibile.

Accettazione significa saper prendere quello che la vita ci pone dinnanzi anche quando questo è doloroso e sembra scombinare tutti i piani e gli schemi che fino a quel momento hanno guidato la nostra mente. Definiamo l’accettazione come "l’'assunzione di consapevolezza che un certo scopo sia definitivamente compromesso".